Prodotti miracolosi per la calvizie: c’è da fidarsi?

Quante volte avete sentito parlare del farmaco miracoloso, ultima scoperta scientifica, che vi farà ricrescere capelli oramai perduti? Il web, la tv, i canali commerciali, ovunque potreste assistere alla vendita di un prodotto considerato miracoloso. La realtà è bel lontana dal risultato straordinario promesso.

La perdita dei capelli è una paura molto sentita sia dagli uomini che dalle donne, un inestetismo molto temuto e che può avere anche delle serie ripercussioni psicologiche. Questo stato di particolare tensione vissuto da chi vede un diradamento dei propri capelli può renderci facili prede di queste truffe che, oltre a non essere riconosciute come terapie per la cura della calvizie, possono peggiorare la situazione e distrarci da trattamenti più efficaci.

Ma non solo farmaci, spesso ad essere pubblicizzati sono anche alcuni shampoo, balsamo, maschere, fiale di prodotto che vengono dichiarati scientificamente testati contro la caduta dei capelli. In realtà, nella maggior parte di questi trattamenti non c’è nulla di scientifico. Trattare l’alopecia androgenetica, la forma di calvizie più diffusa, non è molto semplice come cercano di far credere. Le soluzioni che risultano essere davvero efficaci vengono dalla scienza che continua a svolgere ricerche e sperimentazioni per riuscire a trovare una soluzione definitiva alla calvizie.

Oggi il trattamento dell’alopecia androgenetica avviene con l’utilizzo di due farmaci: la Finasteride e la Minoxidil. Questi due farmaci sono gli unici ad essere approvati dalla Food and Drug Administration per la cura dell’alopecia androgenetica e sono gli unici capaci di dare risultati efficaci. La Finasteride è un farmaco da assumere per via orale. Il dosaggio consigliato è quello di 1 mg al giorno e nel giro di 4 o 6 mesi la maggior parte dei pazienti nota un arresto nella perdita dei capelli e, in alcuni casi, anche una discreta ricrescita. Il minoxidil, invece, è una lozione da applicare direttamente nella zona della testa interessata da calvizie. Entrambi i farmaci agiscono sulla produzione del DHT, il metabolita attiva del testosterone responsabile della caduta dei capelli.

Se soffrite di calvizie, dunque, fate riferimento a questi due farmaci e diffidate da qualsiasi lozione del potere magico. Gli unici due trattamenti che hanno veramente risultati testati e certificati sono la finasteride e il minoxidil. I risultati possono essere anche molto incoraggianti, ad esempio su CalvizieHelp.it è possibile vedere alcuni report fotografici.

Esistono anche delle soluzioni combinate che interessano anche la sfera dell’alimentazione che in alcuni casi può aiutare nel trattamento della calvizie. È importante, però, affidarsi a medici, esperti del settore che sapranno consigliare la strada più giusta. Diffidate da maghi e strilloni.